De André Canta De André, Cristiano racconta Faber a Lecce – PREVENDITE
Inserito da admin il 4 nov 2017 | Nella categoria Anteprima, Primopiano | Ci sono 0 Commenti
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Dopo il clamoroso successo estivo coronato dall’emozionantissimo concerto in Cavea, al prestigioso Parco della Musica Auditorium in Roma che ha inaugurato la rassegna estiva di Luglio suona bene, per concludere in bellezza il fortunato tour primaverile “De André Canta De André” (premio MEI come “Miglior Tour del 2009″), rilettura del canzoniere del padre in un omaggio unico e personalissimo. Cristiano De André, polistrumentista, compositore, cantautore, scava nelle pieghe del repertorio di e riparte per un tour che è un viaggio meraviglioso fra le canzoni che hanno consegnato alla storia della musica e della letteratura italiana il nome di De André. Appuntamento sabato 9 dicembre al di , ticket ingresso a partire da 28 euro.

In scaletta da “Megù Megùn” (che apre i concerti), a “Ho visto Nina volare”, “Don Raffaè”, “Cose che dimentico”, “Verranno a chiederti del nostro amore”, “Creuza de ma”, “Amico Fragile”, “La canzone di Marinella”, fino alla chiusura con “Il Pescatore”. Nei bis spazio all’unico brano scritto interamente da Cristiano, “Dietro la porta”, con cui si aggiudicò il secondo posto e il Premio della Critica nel Sanremo 1993.

Acquista subito la tua prevendita TicketOne

“De André canta De André” ha un’anima rock ed una più acustica e intimista, in cui Cristiano mostra tutta la sua abilità di musicista polistrumentista. Suona di tutto: dalla chitarra al bouzouki, dal violino al pianoforte e tastiere. È accompagnato dal virtuoso Osvaldo Di Dio alle chitarre.“De André canta De André”: quello che di Fabrizio De André non si sa, raccontato dal suo erede reale e morale.

Sono passati 10 anni dalla scomparsa di Fabrizio De André. Una decade che invece di offuscare il valore culturale e popolare del suo lavoro, ci riconsegna il cantautore genovese in tutto il suo splendore. Cristiano non è solo un figlio d’arte. Diplomato al conservatorio, sale sul palco al fianco di suo padre Fabrizio nel 1980 a 18 anni, e non scende più, proseguendo con successo anche nella sua carriera solista. Un compagno di un’avventura dal vivo che rivive in questo viaggio musicale. Il progetto è di Bruno Sconocchia e Michele Torpedine. La tournée è prodotta dalla Ph.D., società che nasce 25 anni fa realizzando proprio il tour legato all’album “Creuza de ma”, capolavoro di Fabrizio De André, continuando con i tour di “Le nuvole” (1991), “In teatro” (1993), “Anime Salve” (1997).


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ti potrebbe anche interessare:

Lascia un commento

You must be Login to post comment.

Top