Arezzo Wave Band, al Dopolavoro la finale regionale
Inserito da admin il 11 apr 2015 | Nella categoria LiveNews | Ci sono 0 Commenti
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Giovedì 16 aprile il live club di ospita la finale regionale pugliese del ”. Sul palco si alterneranno le cinque band che hanno conquistato le selezioni provinciali: Valeries (Foggia), Heidi for president (Taranto), Noon (), Ph Negativo (), Stip’ Ca Groove (). La giuria, coordinata da Carlo Chicco, responsabile regionale della Fondazione Arezzo Wave, sarà composta da Ennio Ciotta (giornalista), Paolo Del Vitto (La Rivolta Records), Camillo Fasulo (CiccioRiccio) e Ciro Merode (organizzatore di eventi) decreterà il gruppo che rappresenterà la durante il festival toscano. Ospite della serata la cantautrice Mery Fiore (vincitrice Arezzo Wave Band 2014). Start ore 21.30, ingresso libero.



Per la tua pubblicità su SalentoLive.com

Classe ’92, Mery Fiore cresce e si imbeve di musica sin da piccola. Dopo alcuni esperimenti goliardici legati al favoloso mondo del liceo, è con l’università che la sua attività concertistica ha veramente inizio. Prima in un coro gospel, poi a capo del simpatico duo bucolico “Gli Ultimi Arrivati” , successivamente nei “MEry Fiore & The Papy Boomers”, una Beatles Tribute, ed infine all’interno del gruppo “The Beedons”, che pubblica il video della cover “Satellite” di Colapesce, comincia finalmente a comporre all’inizio del 2013, quando un regalo fortuito, la vecchia tastiera di un amico, la aiuta a riorganizzare e a concretizzare quelle che prima erano soltanto delle idee musicali registrate a random sul suo registratore di fiducia. Testi su tutto ciò che la circonda ricamati su trame semplici di accordi spontanei e vissuti sono gli ingredienti della sua musica. Nonostante la giovane età, MEry riesce a toccare le corde intime dell’anima grazie ad una voce che sa essere dolce e potente allo stesso tempo, cavalcando le note in maniera originale e innovativa. Uno show che dal vivo conquista al primo ascolto, creando un’atmosfera intima e racchiusa, come se si entrasse in una dimensione che viene esplorata solo grazie alla sua voce. Attualmente porta in scena il suo spettacolo assieme ai suoi amici e componenti della band: Donato Nicolaci alla chitarra, Matteo Spano alla batteria elettronica, Daniele Spano ai synth e bass line. Insieme a loro la corolla di questo fiore si colora di mille sfumature, le influenze dei quattro ragazzi si combinano e ne viene fuori una miscela composita fatta di Dub, Dance,Trip-Hop, Dream-Pop, Electro-Pop e Indie Rock. In altre parole: di tutto un POP.

“Arezzo Wave Band”, concorso indetto dalla Fondazione Arezzo Wave Italia, è rivolto a tutte le band emergenti d’Italia. Arezzo Wave ha acquisito una credibilità nell’arco di un trentennio. Decine di migliaia di band sono passate per le selezioni di questo festival che non ha eguali in Italia. Da alcuni anni il festival toscano, vero e proprio osservatorio permanente delle pulsioni musicali giovanili, ha attivato delle collaborazioni con importanti partner esteri. Quest’anno l’attività di scouting ed esportazione all’estero si è intensificata; sono una decina i festival che hanno scelto Arezzo Wave come interlocutore italiano esclusivo ed eccellente. In palio l’opportunità di suonare negli eventi che la fAWI potrà organizzare e su importanti palchi italiani ed esteri (Collisioni, Festambiente, SEI – Sud Est Indipendente, Rototom Sunslpash (Benicassim, Spagna), Europavox (Francia), CMJ (USA), BIME (Bilbao, Spagna), Montreux Jazz Festival (Montreux, Svizzera), Eurosonic (Olanda) oltre al “Premio SIAE- FAWI 2015″ che consiste in una borsa di studio di 1.000 euro. Tra le band e gli artisti che che sono passati dal contest ci sono la salentina MEry Fiore, che si è esibita al CMJ di New York lo scorso ottobre, Boxerin Club che rappresenteranno l’Italia al prossimo Eurosonic (Groningen, Olanda), C+C=Maxigross, Honeybird & the birdies, Heike has the giggles, Amari, Appaloosa, Ministri, Il Pan del Diavolo, Waines, Krikka Reggae, Fast Animals & Slow Kids e tanti altri che negli anni sono diventati icone dell’indie italiano (Negrita, Afterhours, Mau Mau, Quintorigo, Almamegretta, Marlene Kuntz, Agricantus, Reggae National Tickets). Il concorso quest’anno è sostenuto dai media partner Zero, Chitarre, Drumset mag, XL, Sentireascoltare.it, Popolare Network, dalla SIAE, dall’Agenzia Nazionale per i Giovani, da Smemoranda e da Zimbalam.

Ti potrebbe anche interessare:


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

You must be Login to post comment.

Top