La musica è pericolosa, doppio special event con Nicola Piovani per Piano Lab
Inserito da admin il 16 ago 2017 | Nella categoria LiveNews | Ci sono 0 Commenti
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


La musica? È pericolosa. Parola di , il protagonista del doppio «speciale event» della Ghironda inserito in , il progetto dedicato al re degli strumenti con il sostegno della Presidenza del Consiglio dei Ministri e della Regione Puglia e la collaborazione di Marangi Strumenti musicali con le più prestigiose case di produzione di pianoforti al mondo. Il Premio Oscar per le musiche del film «La vita è bella» è atteso giovedì 17 agosto a , nel piazzale delle Terme (ore 21.45, biglietti su bookinshow) e il 18 agosto a , in piazza Plebiscito (ore 21.30, ingresso libero).

«La musica è pericolosa» è un racconto musicale, narrato dagli strumenti che agiscono in scena (pianoforte, contrabbasso, percussioni, sassofono, clarinetto, chitarra, violoncello e fisarmonica). A scandire le stazioni di questo viaggio musicale in libertà, Nicola Piovani racconta al pubblico il senso di questi frastagliati percorsi che l’hanno portato a fiancheggiare il lavoro di De André, Fellini, Magni e registi spagnoli, francesi, olandesi, per , cinema, televisione, cantanti strumentisti, alternando l’esecuzione di brani teatralmente inediti a nuove versioni di brani più noti, riarrangiati per l’occasione.



Per la tua pubblicità su SalentoLive.com

Nel racconto teatrale la parola arriva dove la musica non può arrivare, ma, soprattutto, la musica la fa da padrona là dove la parola non sa e non può arrivare. I video di scena integrano il racconto con immagini di film, di spettacoli e, soprattutto, immagini che artisti come Luzzati e Manara hanno dedicato all’opera musicale di Piovani. In scena, con Piovani seduto al pianoforte, Marina Cesari (sax/clarinetto), Pasquale Filastò (violoncello/chitarra), Ivan Gambini (batteria/percussioni), Marco Loddo (contrabbasso) e Rossano Baldini (tastiere).

Il doppio concerto di Nicola Piovani per Piano Lab arriva dopo il «trittico» di Martina Franca aperto da Morgan e proseguito con la due giorni di «Suona con noi» nel centro storico, dov’erano dislocati tredici pianoforti suonati da centosessantacinque musicisti, ai quali si è aggiunto a sorpresa il celebre violoncellista Giovanni Sollima con un fuori programma che ha incantato il pubblico del chiostro di San Domenico.

Ti potrebbe anche interessare:


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

You must be Login to post comment.

Top