La festa di Uasc!, alle Knos arriva il produttore discografico Shantel
Inserito da admin il 19 dic 2018 | Nella categoria LiveNews | Ci sono 0 Commenti
  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Sabato 22 e domenica 23 dicembre le di ospitano La festa di Uasc!, due giorni di musica e laboratori organizzati dall’agenzia salentina di concerti e booking. In serata sul palco si alterneranno il cantante e chitarrista Dario Muci, l’organettista Claudio Prima con il Progetto Se.Mediterraneo con la partecipazione della cantante Rachele Andrioli (22 dicembre – ore 21:30 – ingresso libero), Mediterraneo contemporaneo, progetto del fisarmonicista Rocco Nigro e del violoncellista Redi Hasa, e , produttore discografico e cantante tedesco, con il suo Shantology – 30 years of club Guerilla dj session (23 dicembre – ore 22:00 – ingresso 5 euro). Le due giornate (dalle 19 – ingresso libero) proporranno anche due laboratori, accessibili alle persone sorde grazie alla collaborazione con Poiesis: Kids Rock, un percorso, dedicato ai bambini, attraverso i miti della musica di tutti i tempi, a cura dell’associazione Fermenti Lattici; un Laboratorio di pizzica a cura di Tarantarte, un invito a un viaggio nella cultura e nelle musicali del , per imparare a conoscerne i ritmi, le figure e il linguaggio. La festa di Uasc! è realizzata con il sostegno di “Funder 35″, programma promosso da diciotto Fondazioni private con il patrocinio dell’Associazione delle Fondazioni, in collaborazione con Coolclub, Poiesis, Fermenti Lattici, ArchiStart e Tarantarte. Info www.uasc.it – 3331803375.



Per la tua pubblicità su SalentoLive.com

Sabato 22 dicembre (ore 21.30 – ingresso libero) la serata si aprirà con il cantante e chitarrista Dario Muci e il suo progetto “Sulu. Un uomo del Sud”. Una presa di posizione forte e senza compromessi che unisce ricerca sul campo ed impegno sociale, dando vita ad un repertorio tradizionale ed originale, che apre uno spaccato sulla condizione di contadini e operai, vittime oggi come ieri di grandi disparità sociali. Un repertorio rabbioso, a tratti ironico e dolce, che narra gli scenari sociali e politici in cui versa il nostro paese, in particolare il Sud, intrecciato a momenti storici significativi che hanno caratterizzato la vita di milioni di Italiani. Grazie a Poiesis alcuni brani saranno accompagnati dalla presenza di un’interprete Lis. A seguire Claudio Prima & Progetto Se.Mediterraneo. L’organettista e cantante muove le sue composizioni con l’istinto del ricercatore, curioso e attento; con lo sguardo rivolto, allo stesso tempo, fuori e dentro, per cogliere insieme le consonanze e le dissonanze del rapporto con il mondo. Sul palco Claudio Prima (organetto e voce), Nevila Cobo (violino), Vera Longo (violino e voce), Shpetime Balla (violino), Merita Alimhillaj (violoncello) saranno affiancati dalla voce di Rachele Andrioli.

Domenica 23 dicembre (ore 22 – ingresso 5 euro) la seconda serata si aprirà con “Mediterraneo contemporaneo” concerto del duo composto dal fisarmonicista salentino Rocco Nigro e dal violoncellista albanese Redi Hasa, un repertorio di brani inediti, melodie inusuali e composizioni ispirate alla ricerca dell’essenzialità. Radici musicali che congiungono due sponde del Mediterraneo, evocando sonorità ancestrali che attingono dalla grande tradizione dei Balcani e del Sud Italia e la portano verso esiti molto vicini alle invenzioni e al clima della migliore musica contemporanea. La serata si concluderà con Shantel, produttore, cantante e dj tedesco conosciuto soprattutto per i suoi lavori con la sua orchestra gitana e per i suoi remix tra musica balcanica ed elettronica, e il suo Shantology – 30 years of club Guerilla dj session. Shantel è il lato accessibile di una Germania differente. È infatti il primo ad aver iniettato un sound cosmopolita nella cultura pop locale. Nel suo caso, la migrazione può essere ascoltata e ballata. I suoi nonni da parte materna provengono da Bucovina, un territorio diviso tra Romania ed Ucraina. Shantel suona tesori musicali provenienti dal Medioriente e dal Mediterraneo in un nuovo contesto, rendendo possibile immergersi direttamente nelle culture da cui hanno avuto origine.

Ti potrebbe anche interessare:


  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

You must be Login to post comment.

Top