Primo Maggio a Kurumuny, la tradizione si ripete a Martano
Inserito da admin il 26 apr 2013 | Nella categoria LiveNews | Ci sono 0 Commenti
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


in collaborazione con l’Associazione Ambrò e con il patrocino del Comune di presenta la XII edizione del . La festa si svolge a , in campagna, località Kurumuny, con una lunga giornata tra germogli di vino e braci di canti selvatici e balli spargi-sale, artisti extra-vaganti giocolieri di luce, diritti in mostra ai colori della primavera. Il lavoro dovrebbe essere la festa di tutti perché “un uomo che vuol lavorare e non trova lavoro è forse lo spettacolo più triste che l’ineguaglianza della fortuna possa offrire sulla terra” (T. Carlyle). Ingresso per tessera sociale di 4,00 €. La colazione è autogestita dai singoli partecipanti, l’organizzazione offre vino e pane finché ce n’è. A disposizione di tutti bracieri per gli arrosti.

La giornata sarà scandita dalla musica, con la partecipazione di molti artisti. Parteciperanno gli con il loro viaggio gitano verso radici lontane, gli Strittuli con suoni musica e canti popolari, nuovo progetto di , Luigi Bruno con il Mediterranean Psychedelic Session e i .



Per la tua pubblicità su SalentoLive.com

Gli Almoraima sono un gruppo multietnico che dal 2007 si dedica alla ricerca della tradizione musicale gitana ed in particolare alle varie connessioni musicali che si sono create con essa in terra andalusa e araba. Il gruppo che ruota intorno alla figura del chitarrista Massi Almoraima, autore delle musiche e dei testi, ha visto in tempi più recenti l’ingresso nella formazione della talentuosa voce gitana di Antonio Corba, che per la sua grande padronanza degli stili tradizionali e moderni di canto flamenco e il suo interesse per la musica etno-world sta riscontrando una grande affinità con l’estetica musicale del gruppo. Oltre a loro la formazione è composta dal percussionista etnico Roberto Chiga, dal violista di origini pakistane Saleem Anichini, dal contrabassista jazz Angelo Urso e dal fisarmonicista Rocco Nigro. Di ritorno dal tour primaverile che gli ha visti impegnati in una serie di concerti in Rajasthan, il gruppo presenta in anteprima a Kurumuny il suo nuovo lavoro discografico – Banjara – realizzato grazie al sostegno di Puglia sounds e dall’etichetta salentina Animamundi. Un lavoro denso di suoni e tradizioni nomadi, di energia e spiritualità, di riti, movenze e ritmi che richiamano mondi lontani. Sentieri d’Oriente tracciati attraverso le orme lasciate nella sabbia da una carovana gypsy che dal deserto dei Thar attraversa il Mediterraneo approdando in Andalucia; un viaggio gitano verso radici lontane.

Il gruppo “” nasce nell’inverno nel ’98 dal bisogno di riconoscersi in una identità di popolo, in esso vi confluiscono giovani musicisti che si propongono di diffondere il patrimonio musicale del Salento e della Grecìa salentina. L’impegno culturale è quello di far veicolare la musica popolare non come mera comunicazione consumistica ma come recupero ed inizio di un procedimento culturale ritrovato. I componenti, che sono maturati nelle feste di “curte” a contatto diretto con i portatori, nei raduni spontanei e gruppi di ricerca, iniziano a recuperare sonorità ormai quasi dimenticate e a utilizzare gli strumenti tipici di questa musica: violino, organetto, fisarmonica, chitarra e tamburo a cornice. L’obiettivo principale del gruppo è quello di riproporre un viaggio nella musica popolare salentina, fatto di pizzica, tarantata, stornelli d’amore, canti di lavoro e di protesta. Il gruppo, inoltre, conduce una ricerca sulla musica di tradizione orale, interessandosi soprattutto alla zona nord del Salento, riscoprendo canti che vengono riproposti nei loro concerti.

Sonamix è il nuovo progetto di Papa Ricky, che propone un nuovo viaggio nel mondo della musica in una versione semi acustica, con una formazione composta da Giada Giovanile al violoncello, Sasà Spennato alla batteria e percussioni e Roberto Romano alla chitarra acustica e basso.

I Rino’s Garden nascono nell’estate del 2008, dalla passione per le canzoni di Rino Gaetano, attratti dalla stravaganza e dalla ecletticità trasversale del compianto artista calabrese, i Garden non si sono affermati solo come una cover band ma hanno allargato il loro repertorio perfezionandosi nello stile e potenzialità. Rino’s Garden con oltre 400 live all’attivo, ha animato le piazze e i locali di tutto il Salento, esibendosi con la sua musica anche oltre i confini provinciali e regionali, con molte tappe in tutta Italia. La band è composta da Andrea Melileo alla voce, Matteo Cannavacciuolo alla batteria, Francesco Fersini ai synth e ai cori, Giuseppe Ciullo al basso, Giacomo Carlino alla chitarra e Francesco Verdicchia al pianoforte. Da pochissimo è uscito il nuovo singolo “Resto in linea”, che anticipa il nuovo album in lavorazione, che uscirà prima dell’estate.

L’eclettica chitarra di Luigi Bruno (Muffx – Opa Cupa) chitarrista, cantante e compositore rock salentino che accompagnato da Cristiano Colopi alla seconda chitarra e il maestro Nicola Mauro alla fisarmonica propone in questa sua nuova performance brani inediti, rivisitazioni di alcuni brani del progetto Muffx in chiave folk rock e incursioni varie nella personalizzando il tutto in chiave psichedelica rigorosamente vintage.

Il programma può essere suscettibile di variazioni.

Ti potrebbe anche interessare:


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

You must be Login to post comment.

Top