Ritorna la Notte di Mare a S.Foca con Clementino e Boomdabash
Inserito da admin il 16 ago 2016 | Nella categoria LiveNews | Ci sono 0 Commenti
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Cos’è ? E’ Una ricca rassegna di eventi durante una notte intera, sparsi nella piccola marina di e dislocati in più di 6 location suggestive. Di seguito l’esibizione su tutti i palchi. Il palco del Cabaret in “zona ricci” ospiterà lo show dei CANTIERI COMICI, nato dall’esperienza del “Risollevante tour”, organizzato dalla stessa associazione culturale Sirio, lo spettacolo “Cantieri comici” vedrà alternarsi sul palco diversi comici, introdotti dal presentatore Mauro Pulpito, noto ai più per le produzioni televisive insieme al duo “Toti e Tata” andate in onda su Telenorba e Antenna Sud. Si alterneranno sul palco Tommy Terrafino, il comico “vegano” del noto programma di Rai 2 “Made in Sud” e Dino Paradiso direttamente da Colorado. In apertura l’esibizione della squadra agonistica di Ginnastica ritmica dell”ASD DELFINO” di .



Per la tua pubblicità su SalentoLive.com

Per il main stage il potente sound dei , con il tour “Portami con te” dal nome del nuovo inedito dei salentini, un brano che dipinge il quadro di una storia d’amore tra due ragazzi che decidono di lasciarsi tutto alle spalle, fuggire lontano e ricostruire le proprie vite, senza darsi pena sul futuro e su quello che il domani riserverà loro. Ancora una volta i .

Sullo stesso palco anche il partenopeo , reduce dallo stage di Sanremo con il brano “Quando sono lontano” e la stupefacente cover di “Don Raffaè”, il suo ultimo lavoro “Miracolo” (Universal 2015) ha guadagnato la certificazione di Disco D’Oro e a marzo Onstage ha assegnato al rapper napoletano il premio come Miglior Tour Rap del 2015. Ritornato alla dimensione live con un nuovo tour, “Ultimo Round”, è pronto a portare dal vivo tutti i successi con l’energia incontenibile che lo contraddistingue sulla scena, la sua innata dote comunicativa, un nuovo allestimento ma, come sempre, accompagnato dal dj e produttore Tayone. In apertura La Rocha, con il live dai testi che raccontano storie, le storie degli ultimi degli emarginati storie di tutti i giorni, comuni a chi vive nelle difficoltà e chi tira a campare, ma anche storie di paesi e popoli lontani. Ma anche gli SKARLAT, e Heaven’s Gun e Gabriele Nahi e dj Andrea Corpus.

Importante novità di questa edizione è il coinvolgimento del G.A.S. Gruppo Astrofili Salentini “G.V. Schiaparelli” che con l’installazione di particolari telescopi, permetterà a grandi e piccini di scrutare gli angoli di cielo più suggestivi, alla scoperta delle stelle più belle e le costellazioni più importanti. Quest’anno un nuovo palco dedicato alla musica balcanica, di fronte alla Torre di San Foca ci sarà infatti lo spettacolo degli OPA CUPA, arricchito da ospiti veramente d’eccezione. Opa Cupa è la musica che si affaccia al Mediterraneo, è quello che si trova sulle spiagge del Salento d’inverno, è il mare che separa la nostra terra da quelle che si affacciano sull’altra sponda, è la disperazione che affronta traversate della speranza, sono i corpi persi nello stesso mare che d’estate accoglie e rinfresca. Nella loro musica la confluenza di popoli diversi si trasforma nella sincera espressione di una cultura regionale colorita e unica, dove sonorità balcaniche, mediterranee e mediorientali si fondono a quelle bandistiche tipiche della tradizione musicale del Sud Italia per dar vita a un florilegio di ritmi afro-balcan-jazz davvero travolgenti, originali e ricchi di sfumature. L’esplosiva band guidata dal Maestro Cesare Dell’Anna, negli anni si è nutrita di contaminazioni, esperimenti e dinamicità. Il cuore pulsante degli Opa Cupa è infatti la continua voglia di sperimentare ed arricchirsi musicalmente tramite l’esplorazione di nuovi percorsi sonori, senza la paura di spingersi oltre le barriere di genere.

Sul palco della “Zona Gelateria Dentoni” la magnifica voce della Notte della Taranta Antonio Castrignanò musicista salentino, ha suonato e collaborato con artisti come Stwart Copeland, Mauro Pagani, Giuliano Sangiorgi, Negramaro, The Chieftains, Goran Bregovic, Ballake Sissoko, Ludovico Einaudi, Meccan Dede. Esibendosi su palchi e festival di grande prestigio internazionale è divenuto negli anni uno dei personaggi simbolo della riscoperta tradizione musicale del Salento. Compositore della colonna sonora del film “Nuovomondo” di Emanuele Crialese, Leone d’Argento alla mostra del cinema di Venezia 2006, vincitore di numerosi riconoscimenti e candidato ai Nastri d’Argento e Ciak D’Oro 2007. Le sue musiche sono presenti anche nel film Bllas Mariposas di Salvatore Mere, vincitore del Premio Schermi di Qualità e premio Fedic alla Mostra del Cinema di Venezia 2012. In apertura il progetto Le Train Manuche.

Sul palco in “Piazza Fiume” il progetto Alfonsina Swing, muovono i loro primi passi nel panorama dell’arte di strada leccese. L’incontro tra Marco Papadia e la voce di Sofia Romano ha dato vita ad un inedito progetto swing contaminato dalla ritmica incalzante del Gypsy Jazz e dalle sonorità blues dell’ Hot Jazz. Ritmo, improvvisazione e tinte soffuse, gli ingredienti di un repertorio che spazia attraverso i più noti standard del patrimonio jazzistico. A seguire gli Antiruggine.

Sul palco in “Via Albania” il ritmo e le musiche di Little Soul Blues e Rock Generation. Mentre presso la “Corte Camoro”, il travolgente ritmo dei Folkalore il cui estroso è ormai un prerogativa incontrastata. Il loro modo di interpretare il folk salentino da vita un concerto dinamico e divertente tutto da cantare e ballare. In quasi due ore di spettacolo i Folkalore intrecceranno i classici del grande Bruno Petrachi agli inediti raccolti nel loro primo album “SOUVENIR”.

Inoltre nelle vie della piccola marina di Melendugno spettacoli di artisti di strada, giochi per bambini, arte e tanto altro ancora per un unico importante fine: passare insieme una notte d’estate indimenticabile.

La Notte di Mare di San Foca 2016 sarà ecofriendly grazie alla richiesta della certificazione volontaria “Ecofesta ”, premiata nel 2012 dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca per la sua carica innovativa. La certificazione mitiga l’impatto sul territorio dell’evento stesso attraverso attività di differenziazione dei rifiuti, riduzione delle emissioni di CO2 e informazione e sensibilizzazione ambientale. “Ecofesta ”, inoltre, è certificata ISO 20121 – standard internazionale dei sistemi di gestione per la sostenibilità degli eventi.

Ti potrebbe anche interessare:


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

You must be Login to post comment.

Top